Ford, una tecnologia per agevolare il passaggio dei mezzi di soccorso durante le emergenze


Emergency Vehicle Warning è in grado di avvisare gli automobilisti sulla localizzazione e la distanza di un veicolo di soccorso in arrivo permettendo loro di posizionarsi sulla strada in modo più sicuro e aiutare polizia, ambulanze e vigili del fuoco a raggiungere più velocemente le destinazioni oggetto di intervento

Il richiamo delle sirene di epica memoria avrebbe un fascino molto diverso. Purtroppo, il suono delle sirene, sempre più spesso è associato allo stress che gli automobilisti devono affrontare, durante i momenti trascorsi alla guida, cercando di capire da dove arrivi il mezzo di soccorso, spostandosi prontamente nel tentativo di non essere di intralcio agli operatori del settore.

Ford ha sviluppato una tecnologia, l’Emergency Vehicle Warning, in grado di inviare un alert direttamente dall’ambulanza, dal mezzo dei vigili del fuoco o dall’auto della polizia, alle automobili vicine, in modo da trasmettere la posizione esatta da cui proviene la sirena e da quale distanza.

In Italia, nel 2015, si sono verificati 127 incidenti stradali con coinvolgimento diretto di un mezzo di soccorso. E, in una vision futura, questa tecnologia che al momento fornisce al guidatore avvisi acustici e visivi, potrebbe un giorno segnalare ai conducenti anche il modo migliore per uscire, velocemente ed in sicurezza, dalla traiettoria dei mezzi di soccorso in azione.

“Il tempo è davvero prezioso per chi si trova alla guida dei mezzi di soccorso, ogni secondo può essere letteralmente vitale,” ha dichiarato Giordano Biserni Presidente di ASAPS. “Lo sviluppo di una tecnologia in grado di localizzare e avvertire dell’arrivo di un mezzo di soccorso, potrebbe fare la differenza: diminuirebbe, da un lato, il tempo necessario per raggiungere il luogo dell’incidente e, dall’altro, eviterebbe per i conducenti di divenire anche se inconsapevolmente un ostacolo per gli operatori del settore. Il recupero di minuti o anche solo secondi rispetto ai tempi medi di un intervento in sirena, grazie a queste nuove tecnologie diventa un ulteriore aiuto al salvataggio di una vita”.

Ford illustrerà la nuova tecnologia Emergency Vehicle Warning all’interno del progetto triennale che nel Regno Unito ha preso forma sotto il nome di Autodrive e che si occupa dello sviluppo di soluzioni innovative e connesse per la mobilità del domani. I 16 partner del progetto hanno finanziato con oltre 20 milioni di euro il piano di sviluppo e di sperimentazione che studia le possibilità di connessione tra veicoli, e tra veicoli e infrastrutture, con l’obiettivo di rendere la guida meno stressante e più sicura, migliorare l’uso del tempo e migliorare l’efficienza nel consumo di carburante.

La Casa automobilistica sta inoltre sperimentando una tecnologia che può avvertire i guidatori circa il rischio di eventuali incidenti nelle prossimità di un incrocio. Con l’Intersection Collision Warning, infatti, l’auto trasmette la sua posizione ai veicoli presenti nelle sue vicinanze, i quali, se dotati della stessa tecnologia, calcolano il rischio di un incidente. Se il rischio è alto allora un avviso indica ad entrambi i conducenti di rallentare o fermarsi. Ad esempio, il dispositivo potrebbe avvertire gli automobilisti quando un’auto, provenendo da un’altra direzione, ha ignorato un semaforo rosso.

In precedenza, nell’ambito di altre sperimentazioni, l’azienda ha presentato sistemi che avvertono tempestivamente l’automobilista in caso di arresto improvviso di un veicolo che precede, anche se non visibile; oltre ad una tecnologia che utilizza le informazioni sui tempi del semaforo ottenute da un’unità di raccolta dati posta a bordo strada e che indica al conducente la velocità di crociera da mantenere per riuscire a incontrare sempre la così detta ‘onda verde’ migliorando in questo modo, l’esperienza di guida all’interno delle aree urbane. I test delle 4 tecnologie continueranno nelle aree di Coventry e Milton Keynes, fino alla fine del 2018 quando il progetto UK Autodrive sarà concluso.



Source link