Google Fogli introduce molte novità, tra cui i grafici automatici con il machine learning


Google Fogli, l’alternativa firmata BigG a Microsoft Excel, si arricchisce oggi di parecchie novità; tra grafici automatici creati grazie al machine learning, una maggior sincronizzazione con gli altri servizi di produttività Google e nuovi shortcut, ecco tutte le nuove funzionalità che potrebbero farvi davvero comodo se utilizzate Google Fogli.

Partiamo con i grafici automatici, creati dal sistema grazie al machine learning in base alle informazioni che vengono identificate nella pagina; utilizzando la funzione “Explore”, gli utenti possono chiedere a Google la realizzazione di un grafico, e il sistema lo preparerà in automatico. Nella GIF qui sotto potete vedere un esempio di questa funzionalità all’opera.

Google Fogli migliora la possibilità di lavorare con Google Documenti e Presentazioni Google: dopo aver introdotto la sincronizzazione per i grafici arriva ora quella per le tabelle; basterà infatti copiare e incollare i dati da una piattaforma all’altra, per poi sfruttare il tasto “Update” per aggiornare gli stessi dopo averli modificati solamente nel file originale.

Google ha introdotto in Fogli anche alcuni dei comandi rapidi che i tanti utenti Excel sfruttano dal programma per PC, non disponibili fin’ora nel servizio di Mountain View che continua a basarsi solamente su una piattaforma browser. Miglioramenti inoltre nella gestione della stampa con controlli su margini, scale e allineamenti, oltre all’aggiunta di nuove funzioni legate alle statistiche (SORTN, GAMMADIST, F.TEST e CHISQ.INV.RT.).


Fonte

Source link