LG V10 inizia ad aggiornarsi ad Android 7.0 Nougat

LG V10 è forse lo smartphone più snobbato da parte degli utenti europei. Dotato di un hardware top di gamma (nel momento in cui arrivò sul mercato), fu il primo ad utilizzare un secondo display posto sulla parte superiore vicino alla capsula auricolare ed alla fotocamera frontale. A causa di quest’indifferenza da parte degli utenti europei, la generazione successiva (LG V20) fu un’esclusiva del mercato USA.

Relativamente a LG V10, il colosso coreano ha iniziato a rilasciare l’aggiornamento ad Android 7.0 Nougat insieme con l’interfaccia grafica LG UX 5.0. Per il momento il file OTA di aggiornamento è in fase di rilascio solo in Corea del Sud ma, molto probabilmente, a partire dai prossimi giorni LG provvederà ad espanderlo anche per il mercato europeo.

Il rilascio di una nuova versione del sistema operativo Android in un periodo in cui Google si appresta alla presentazione della versione di generazione ancora successiva e la stessa LG a far uscire LG V30 non è proprio una pubblicità perfetta né per LG né per Android stesso, la cui frammentazione potrebbe arrestarsi solo nei prossimi anni grazie al Project Treble.

Nel caso foste interessati al firmware coreano, potete procedere al download mediante il software  per PC Windows LG Bridge. Prima di lasciarvi, vi vogliamo ricordare e principali novità di Android 7.0 Nougat rispetto ad Android 6.0 Marshmalliw.

Novità per LG V10 con Android 7.0 Nougat

  • Split Screen: la capacità di utilizzare in contemporanea due applicazioni, suddividendo lo schermo a metà
  • Multitasking smart: possibilità di passare all’applicazione utilizzata più di recente attraverso due tap sull’icona “Multitasking”
  • Doze on the Go: versione migliorata del sistema di risparmio energetico introdotto con Marshmallow, su Nougat la sua attivazione avviene dopo qualche secondo che il display dello smartphone si spegne
  • Direct Boot: possibilità per parti di alcune applicazioni di avviarsi normalmente anche prima di aver sbloccato del tutto lo smartphone al primo avvio

FONTE

Source link